fbpx

«Una volta sognai». Poesia di Alda Merini per Lampedusa

Una splendida poesia dedicata a Lampedusa che Alda Merini scrisse alla vigilia dell’inaugurazione della Porta d’Europa, monumento di Mimmo Paladino dedicato ai migranti morti in mare.

Una splendida poesia dedicata a Lampedusa che Alda Merini scrisse alla vigilia dell’inaugurazione della Porta d’Europa, monumento di Mimmo Paladino che ricorda tutti i migranti che giungono sull’isola dopo interminabili ore di viaggio in mezzi di fortuna con nel cuore la speranza di una nuova vita, e in particolare tutti quelli che non arrivano, inghiottiti dal Mediterraneo.

Fu recitata la prima volta proprio durante l’inaugurazione del monumento, a Lampedusa, il 26 giugno 2008.

Una volta sognai
di essere una tartaruga gigante
con scheletro d’avorio
che trascinava bimbi e piccini e alghe
e rifiuti e fiori
e tutti si aggrappavano a me,
sulla mia scorza dura.
Ero una tartaruga che barcollava
sotto il peso dell’amore
molto lenta a capire
e svelta a benedire.
Così, figli miei,
una volta vi hanno buttato nell’acqua
e voi vi siete aggrappati al mio guscio
e io vi ho portati in salvo
perché questa testuggine marina
è la terra
che vi salva
dalla morte dell’acqua.

Alda Merini

Post di Luca Siragusa
Foto di Tommaso Sparma

Socializza con questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri post interessanti..
I tesori del Mediterraneo: I cetacei delle Pelagie
Curiosità
Associazione Mar.Eco

I tesori del Mediterraneo: I cetacei delle Pelagie

Tra le 11 specie di cetacei segnalate per il Mar Mediterraneo e il Mar Nero, 5 sono regolarmente presenti nelle acque circostanti le Isole Pelagie o di passaggio nelle fasi di migrazione.

La vulcanica Linosa
Video
Luca Siragusa

La vulcanica Linosa

Abbiamo girato Linosa in barca con Gerardo Errera. Insieme a lui abbiamo ammirato le meraviglie che caratterizzano l’isola, dall’ambiente incontaminato allo spettacolo offerto dall’imponente colonia di berte maggiori, che si ritrovano in massa ogni giorno al tramonto poco lontano dalla costa.

Blu di Lampedusa
Curiosità
Elena Capelli

Blu di Lampedusa

Mentre l’aereo scende di quota e si prepara all’atterraggio, è talmente piccola che la abbracci con lo sguardo ma, mentre te ne vai e lei, invece, rimane, incontaminata e bellissima, sei tu a sentirti piccolo piccolo.