fbpx

“L’uocchi su fatti pi taliari” di Alessia Capasso

Lampedusa, un'isola piena di meraviglie ed estremamente mediatizzata. È attraverso gli occhi di Alessia Capasso che riscopriamo il paesaggio solare e rilassante del Mediterraneo e dimentichiamo per un momento le preoccupazioni quotidiane.

#Whatanislandismadeof
Un mosaico di colori e materiali dedicato a Lampedusa

Lampedusa, un’isola piena di meraviglie ed estremamente mediatizzata. È attraverso gli occhi di Alessia Capasso che riscopriamo il paesaggio solare e rilassante del Mediterraneo e dimentichiamo per un momento le preoccupazioni quotidiane. Alessia frequenta l’isola fin dalla sua infanzia e nel 2011 ha iniziato a lavorarci come fotoreporter, affrontando inevitabilmente il tema della presenza della migrazione in questo territorio. È solo nel 2020 che si riappropria dell’isola in modo diverso. Attraverso una serie di passeggiate fotografiche, abbandona l’occhio della fotoreporter e, come un’esploratrice, prende il tempo per osservare la natura che abita l’isola. La serie fotografica “L’uocchi su fatti pi taliari #Whatanislandismadeof” è inizialmente pensata per essere pubblicata su Instagram. Quando si apre la pagina si scopre un mosaico di colori e materiali che si uniscono come un patchwork, eppure la loro origine rimane misteriosa. È interrogando e osservando a lungo, che siamo rapidamente sorpresi dal risultato, quello della loro origine: i paesaggi! Ci interroghiamo, scopriamo e siamo sorpresi dalle risposte dei materiali che si impadroniscono del panorama. Attraverso questo gioco di immagini, si crea una miscela di dettagli e materiali che porta a un dialogo tra elementi naturali e umani. Pur rimanendo autentico, questo scambio dà libero sfogo alla nostra immaginazione. Accarezziamo i materiali con gli occhi e scopriamo luoghi al riparo dal passaggio estemporaneo dei turisti e dalle tensioni legate agli sbarchi. Così la vera natura dell’isola riacquista il suo potere.

di Emma Missal – coordinatrice artistica

Su tutto vorrei rivendicare il tuo silenzio
sapido
senza temere l’animo scorticato dal vento
ruvido.

Ti carezza e ti schiaffeggia
il mare, tappeto cobalto spumeggia
deserto turchese medita.
Non diversa dal diamante,
che seduce con l’inganno dell’eterno,
la luce tua abbaglia, faro che acceca
il naufrago, promettendo salvezza.

Isola amata
Menzogna di Giuda
Bestemmia di roccia
Cratere di sale
Benedizione di un dio meschino
Risa di donna perduta.

Alessia Capasso
L’uocchi su fatti pi taliari. ‘Mpidusa 2020. #whatanislandismadeof

Socializza con questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri post interessanti..
L’antica moneta di Lampedusa
Curiosità
Nino Taranto

L’antica moneta di Lampedusa

Tra gli indizi più interessanti che ci permettono di comprendere quale fosse nell’antichità l’importante ruolo di Lampedusa c’è sicuramente il fatto che l’isola nell’antichità aveva una sua zecca che coniava monete.

«Ci sono isole..» Lo spot turistico delle Pelagie
Video
Luca Siragusa

«Ci sono isole..» Lo spot turistico delle Pelagie

Il video spot per rilanciare il turismo nelle Isole Pelagie. Prodotto da Hub Turistico e realizzato da Gabriele Gismondi e Luca Siragusa con la collaborazione di Massimo Ciavarro e Antoine Michel ed il patrocinio del Comune di Lampedusa e Linosa e DAT VOLIDISICILIA.