fbpx

«Isole Pelagie. Regalati un sogno!» Lo spot che sta facendo il giro del web

Non è evidentemente un periodo felice per chi fa turismo. Sappiamo altrettanto bene però che chi si ferma è perduto, soprattutto nei momenti peggiori. È questo lo spirito che ci ha portato a produrre un video che racchiudesse l’ampio ventaglio di emozioni che si provano visitando Lampedusa e Linosa (e Lampione, anche se di passaggio).

Non è evidentemente un periodo felice per chi fa turismo.
Sappiamo altrettanto bene però che chi si ferma è perduto, soprattutto nei momenti peggiori.

È questo lo spirito che ci ha portato a produrre un video che racchiudesse l’ampio ventaglio di emozioni che si provano visitando Lampedusa e Linosa (e Lampione, anche se di passaggio); per contrastare la paura di spostarsi che prende sempre più piede, con le energie positive trasmesse dalle meraviglie naturali che abbiamo la fortuna di custodire.
Nasce così Isole Pelagie. Regalati un sogno, lo spot adesso disponibile nei canali Facebook, YouTube e Instagram del Hub Turistico Lampedusa.

Lo spot è il culmine di una campagna di promozione del territorio lanciata con il brand Lampedusa Today™ che è andata ben oltre il mezzo milione di persone raggiunte tra Facebook e Instagram in 9 giorni (tra il 21 e il 29 febbraio 2020) ed ha incluso video live giornalieri, foto e articoli su queste straordinarie isole nel cuore del Mediterraneo.

Postato da Luca Siragusa
Una produzione Hub Turistico Lampedusa

Socializza con questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri post interessanti..
Lampedusa, 1988. Parte 3
Video
Luca Siragusa

Lampedusa, 1988. Parte 3

Era il 1988, e questa è la terza parte di un interessante documentario dell’epoca, tratto dall’archivio video di Piero Bologna e intitolato “Lampedusa – Quando la vita si chiama Isola”.

C’era una volta il cimitero di guerra
Curiosità
Nino Taranto

C’era una volta il cimitero di guerra

Ogni anno, il 4 novembre, tutta Lampedusa si riuniva presso un piccolo cimitero dedicato ai caduti della Seconda Guerra Mondiale. Fino al 1962..