Andar per.. asparagi e finocchietto selvatico!

A Lampedusa capita spesso, nel periodo invernale, che una passeggiata che doveva essere rilassante, con la testa per aria trasportati dai pensieri, diventi una missione con obiettivo preciso.

La domenica pomeriggio a Lampedusa quando ti sei stancato di prendere sempre il caffè al bar dopo pranzo o ti rifiuti di fare il giro dell’isola in macchina per avere la percezione del diversivo del fine settimana, capita spesso di optare per una passeggiata, oltre che al mare o ai “conigli” (come chi vive a Lampedusa appella l’Isola dei Conigli), anche in campagna.
Ma attenzione! Spesso, nel periodo invernale, non si rivelerà una passeggiata rilassante, con la testa per aria trasportati dai pensieri, ma decisamente concentrata a raggiungere un obiettivo: raccogliere quanti più asparagi e finocchietto possibile!

Sì, perché l’isola è ricchissima di asparagi e finocchietto selvatico che crescono spontaneamente nei posti più improbabili; il finocchietto poi, si trova anche nelle aiuole in paese, sul ciglio della strada, sui bordi del marciapiede, ovunque! Il profumo che sprigiona appena lo si coglie è inebriante. A me rimanda a ricordi di proustiana memoria, a quando mio padre per il pranzo del Venerdì Santo, preparava la pasta con le sarde e il finocchietto, prelibato piatto della tradizione siciliana; oppure per San Giuseppe, ci deliziava con le frittate con finocchietto, ricotta e broccoli (tripudio dei sensi a mio modesto parere) oppure con asparagi e finocchietto, due ingredienti che qui a Lampedusa si trovano appunto con facilità e si possono cucinare con la garanzia del Km0! Più volte, infatti, ho pensato che dovrebbero essere considerati prodotti DOP o DOC (è noto che non m’intendo di cucina…) e trasformarsi in un altro tratto distintivo del territorio. D’altra parte, il liquore al finocchietto preparato in casa è davvero unico, dal profumo inconfondibile, un potente digestivo naturale e non paragonabile ai prodotti che si trovano al supermercato.

Chissà, magari tra qualche anno, Lampedusa con i suoi asparagi e il suo finocchietto selvatico sarà citata anche negli show cooking che infestano la TV così da richiamare anche gli amanti della cucina e tra i souvenir, assieme alle tartarughe a calamita e le magliettine O’Scià, si troveranno anche questi due preziosi prodotti della terra oltre quelli che da sempre regala il mare!

Articolo di Maria Daina 
Foto di Tommaso Sparma

Socializza con questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie
Ultimi articoli
Ultimi commenti
Tag
Organizza le tue vacanze
I nostri consigli!

Entra nel portale dedicato e scopri una marea di spunti per organizzare le tue prossime vacanze nelle Isole Pelagie.

Altri post interessanti..
Le Isole Pelagie alla BIT Digital Edition 2021
Notizie
Luca Siragusa

Le Isole Pelagie alla BIT Digital Edition 2021

Anche quest’anno le Isole Pelagie hanno il loro stand dedicato alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano! Questa volta, per la prima volta, a causa

Stella del Mare, una storia d’amore
Curiosità
Maria Veronica Policardi

Stella del Mare, una storia d’amore

La storia d’amore che raccontiamo qui è quella tra Roberto Merlo, Lampedusa e i lampedusani. Una storia iniziata tantissimi anni fa, quando ancora i fondali dell’isola erano quasi sconosciuti.

Italia estremo Sud. “Quelli di Lampedusa” (1956)
Video
Luca Siragusa

Italia estremo Sud. “Quelli di Lampedusa” (1956)

Un interessante documentario su Lampedusa prodotto da “Victor A.De Sanctis” del 1956. Con riprese d’epoca delle teche Rai. Dall’Archivio Video di Piero Bologna.